domenica 5 febbraio 2017

Antonio Gramsci: Pessimismo dell’intelligenza, ottimismo della volontà...


Lewis Hine
Tutti i più ridicoli fantasticatori si precipitano sui movimenti nuovi, per spacciare le loro fanfaluche di geni finallora incompresi, gettando lo scredito. Ogni collasso porta con sé disordine intellettuale e morale. Bisogna creare gente sobria, paziente, che non disperi dinanzi ai peggiori orrori e non si esalti a ogni sciocchezza. Pessimismo dell’intelligenza, ottimismo della volontà.

In: “Quaderni dal Carcere ( Q1 §63), Antonio Gramsci