domenica 25 marzo 2018

Fëdor Dostoevskij: Io sono una cimice e riconosco in tutta umiltà che non capisco per nulla perché il mondo sia fatto così...

Gustav Klimt
Io sono una cimice e riconosco in tutta umiltà che non capisco per nulla perché il mondo sia fatto così. Vuol dire che gli uomini stessi hanno colpa di questo: è stato concesso loro il paradiso, ma essi hanno voluto la libertà e hanno rubato il fuoco dal cielo, pur sapendo che sarebbero diventati infelici, quindi non c'è tanto da impietosirsi per loro. La mia povera mente, terrestre ed euclidea, arriva solo a capire che la sofferenza c'è, che non ci sono colpevoli, che ogni cosa deriva dall'altra direttamente, semplicemente, che tutto scorre e si livella - ma queste sono soltanto baggianate euclidee, io lo so, e non posso accettare di vivere in questo modo!

In: “ I Fratelli Karamazov (Libro Quinto, IV – Ribellione)”, di Fëdor Dostoevskij