sabato 4 giugno 2016

Baruch Spinoza: Abbiamo infatti dimostrato che in un ordinamento democratico (che è il più vicino allo stato naturale) tutti si impegnano bensì di agire in conformità ad un ordine comune...


Roland Topor
Abbiamo infatti dimostrato che in un ordinamento democratico (che è il più vicino allo stato naturale) tutti si impegnano bensì di agire in conformità ad un ordine comune, ma non di giudicare e di ragionare nello stesso modo. Poiché è impossibile che tutti professino ugualmente le stesse opinioni, gli uomini convennero che avesse vigore di legge quella che avesse raccolto la maggioranza dei suffragi, conservando tuttavia l’autorità di abrogarla, qualora ne riconoscessero altre migliori; e perciò, quanto meno si concede agli uomini la libertà di giudizio, tanto più ci si allontana dallo stato più prossimo al naturale e ci si avvicina, di conseguenza, al governo più dispotico.

In: “Trattato teologico-politico” di Baruch Spinoza