venerdì 3 giugno 2016

Cartesio (René Descartes): Ora io chiuderò gli occhi, mi turerò le orecchie, distrarrò tutti i miei sensi...


Gustave Moreau
Ora io chiuderò gli occhi, mi turerò le orecchie, distrarrò tutti i miei sensi, cancellerò anche dal mio pensiero tutte le immagini delle cose corporee, o almeno, poiché ciò può farsi difficilmente, le riputerò vane e false; e così intrattenendo solamente me stesso e considerando il mio interno , cercherò di rendermi a poco a poco più noto e più familiare a me stesso.
Io sono una cosa che pensa, cioè che dubita, che afferma, che nega, che conosce poche cose, che ne ignora molte, che ama, che odia, che vuole, che non vuole, che immagina anche, e che sente.

In: “Meditazioni metafisiche” di Cartesio (René Descartes)