domenica 11 dicembre 2016

Pavel Aleksandrovič Florenskij: Che cosa ho fatto io per tutta la vita? Ho contemplato il mondo come un insieme...


Paul Henner
Che cosa ho fatto io per tutta la vita?
Ho contemplato il mondo come un insieme, come un quadro e una realtà unica, ma in ogni istante o, più precisamente, in ogni fase della mia vita, da un determinato angolo di osservazione. Ho esaminato i rapporti universali in un certo spaccato del mondo, seguendo una determinata direzione, in un determinato piano, e ho cercato di comprendere la struttura del mondo a partire da quella sua caratteristica, di cui mi occupavo in quella fase. I piani di questo spaccato mutano, tuttavia un piano non annulla l’altro, ma lo arricchiva, cambiando: ossia con una continua dialettica del pensiero (il cambio dei piani in esame, con la costante dell’orientamento verso il mondo come un insieme).

In: “ Non dimenticatemi (Lettera dal lager di Solovki, N. 93 - 23 febbraio 1937)”, di (Pavel Aleksandrovič Florenskij