giovedì 25 maggio 2017

Fedor Dostoevskji: Ricordati soprattutto che non puoi essere giudice di nessuno...


Sebastião Salgado
Ricordati soprattutto che non puoi essere giudice di nessuno. Giacché non può esistere sulla terra giudice di un criminale se quello stesso giudice prima non abbia compreso che egli è un criminale al pari di quell’uomo che gli sta di fronte e che egli stesso è colpevole, forse, più di chiunque altro di quel crimine. Solo quando avrà compreso questo, un uomo potrà diventare giudice. Per quanto possa sembrare assurda, questa è la verità. Giacché se io fossi stato giusto, forse, quel criminale che ora sta di fronte a me, non sarebbe stato tale.

In: “ I fratelli Karamazov (Libro sesto – Un monaco russo, capitolo 3)”, di Fedor Dostoevskji

Nessun commento:

Posta un commento