domenica 10 luglio 2016

Norberto Bobbio: L’elezione per acclamazione non è democratica, è la più radicale antitesi dell’elezione democratica...


Caravaggio
L’elezione per acclamazione non è democratica, è la più radicale antitesi dell’elezione democratica. È la maniera, che dopo Max Weber non dovrebbe avere più segreti, con cui i seguaci legittimano il capo carismatico; un capo che proprio per essere eletto per acclamazione non è responsabile davanti ai suoi elettori. L’acclamazione, in altre parole, non è un’elezione, è un’investitura. Il capo che ha ricevuto un’investitura, nel momento stesso che la riceve, è svincolato da ogni mandato e risponde soltanto di fronte a se stesso e alla sua emissione.

In: “La Stampa (16 maggio 1984)”, di Norberto Bobbio