martedì 17 maggio 2016

Charles Baudelaire: La Natura è un tempio ove pilastri viventi lasciano sfuggire a tratti confuse parole...


Ivan Ivanovič Šiškin
La Natura è un tempio ove pilastri viventi lasciano sfuggire a tratti confuse parole; l'uomo vi attraversa foreste di simboli, che l'osservano con sguardi familiari.
Come lunghi echi che da lungi si confondono in una tenebrosa e profonda unità, vasta come la notte e il chiarore del giorno, profumi, colori e suoni si rispondono.
Vi sono profumi freschi come carni di bimbo, dolci come òboi, verdi come i prati, - altri, corrotti, ricchi e trionfanti, che posseggono il respiro delle cose infinite: come l'ambra, il muschio, il benzuino e l'incenso; e cantano i moti dell'anima e dei sensi.

Da: “ I fiori del male (Corrispondenze)”, di Charles Baudelaire Traduzione di Attilio Bertolucci

Nessun commento:

Posta un commento