domenica 1 maggio 2016

Umberto Galimberti: Non è certo stato per una graziosa concessione da parte delle élite...


Onofrio Tomaselli
Non è certo stato per una graziosa concessione da parte delle élite e delle classi dirigenti che oggi noi occidentali godiamo del suffragio universale, della libertà di costituire partiti e sindacati, di una legislazione che regolamenti prestazioni e compensi del lavoro, del diritto e dell’obbligo all’istruzione, della garanzia di un minimo di assistenza e di cura per i malati e i vecchi, di una tutela per i bambini. Queste e altre conquiste, che fanno della nostra convivenza una convivenza civile, sarebbero impensabili senza il contributo determinante e senza le lotte dei lavoratori di questi ultimi cento cinquant’anni, nonostante “il gran vocio che accompagna con giubilo sgangherato o sommesso il funerale ancora in corso del movimento operaio”.

Tratto da: “ I miti del nostro tempo” di Umberto Galimberti