sabato 22 ottobre 2016

Italo Calvino: L’uomo proietta dunque il suo desiderio nell’infinito...


Caspar David Friedrich
L’uomo proietta dunque il suo desiderio nell’infinito, prova piacere solo quando può immaginarsi che esso non abbia fine. Ma poiché la mente umana non riesce a concepire l’infinito, anzi si ritrae spaventata alla sola sua idea, non le resta che contentarsi dell’indefinito, delle sensazioni che confondendosi l’una con l’altra creano un’impressione d’illimitato, illusoria ma comunque piacevole.

Da: “Lezioni americane.” Di Italo Calvino

Nessun commento:

Posta un commento